Una cosa che mi sta sfuggendo di tutta questa vicenda dei "migranti/profughi/rifugiati" è perché uno che fugge da una guerra dovrebbe godere di un vantaggio morale nell'essere ospitato rispetto a uno che va via da un paese perché muore di sete/fame/aids. Nella povertà a esser bombardati tocca esser contenti?
Ma infatti credo che nessuno dotato di raziocinio pensi che goda di un vantaggio morale. E' una semplice questione di urgenza e contingenza (proiettiva quanto ti pare, poi). ‎- Woland
Poi se intendi le manifestazioni pubbliche di accoglienza, immagino che sia to make a further point visto che in questo caso ci sono i villain allo scoperto (IS, Assad, Ungheria, estreme destre) ‎- Woland
ah dici c'è uno shift temporale tipo prima quelli che senò je casca na bomba in testa e poi l'altri che tanto pannella c'è durato 40 anni a scioperi d'aa fame ‎- effepunto
Sort of, yes. ‎- Woland
intendo quelli che no all'immigrazione perché prima gli italiani però i profughi di guerra quelli sì perché ce tocca. ‎- effepunto
perchè se uno muore di sete/fame/aids in un paese senza guerra nel mondo perfetto dei burocrati si può andare in quel paese e aiutare senza il bisogno di farli venire in europa. (meglio?) ‎- tepepa uhuhuhuh ahah illusion
analisi logica del commento di sopra non disponibile ‎- effepunto
Credo intendesse che in caso di non-guerra il "aiutiamoli a casa loro" è potenzialmente fattibile e quindi statevene alla casa, mentre in caso di guerra in corso no. ‎- Woland
Più che altro è ricorrente il pattern per cui le estreme destre europee, sulla carta e a strilla antiimperialiste, tendono a mettere in sordina - più o meno decisamente a seconda dei casi - il sostrato razzista quando i migranti appartengono a nazioni o popoli minacciati da stati-che-ritengono-canaglia (vedi Casa Pound coi palestinesi e il sostegno storico ad Arafat in funzione antiisraeliana). Quindi in questi casi qui si percepisce meno opposizione interna, sia per esposizione mediatica del conflitto che per relativa opportunità politica. ‎- Woland
esatto woland (ho editato, meglio?) ‎- tepepa uhuhuhuh ahah illusion
Ciò detto, a me è piaciuta la reazione sociale in Europa, perché è comunque un calmiere in una brutta polveriera. ‎- Woland
molto bella grazie piccolo bambino morto ‎- effepunto
Ma mica quella, parlo dell'accoglienza (che era cominciata ben prima delle foto del bambino) ‎- Woland
Sì, è una questione di urgenza ed è una legge del diritto internazionale, che è prioritario rispetto alla legge del singolo stato ‎- Ivan Crema
aggio scritto vantaggio morale, delle leggi me ne batto il cazzo di principio ‎- effepunto
cos'è, ti fai dettar la morale dalle leggi? cosa sei, cattolico? ‎- effepunto
La differenza morale sostanziale è che se nel tuo paese muori di fame, io stato più ricco posso venire lì e aiutarti a creare ricchezza per non dover più morire di fame (che sarebbe la cosa più umana da fare, non per non accoglierli qui, ma per consentire loro di poter rimanere nel loro paese, che non necessariamente vorrebbero abbandonare se non per questione di sopravvivenza), mentre se il paese è in guerra c'è poco da fare, l'unica soluzione veloce praticabile è scappare. ‎- fairyvisions
Per quanto mi riguarda però credo che l'urgenza sia la stessa. I paesi ricchi hanno molta poca voglia di arricchire i paesi poveri. Quindi sono tutti nella stessa situazione purtroppo. ‎- fairyvisions
sì ma anche sta leggenda che arrivano i buoni e liberano un'economia, ma quando è mai successo? e quanto tempo ci vuole? ‎- effepunto
(tutte le economie che conosco son state distrutte dagli incentivi e dai sussidi. non ricordo casi opposti) ‎- effepunto
Eh appunto. Per questo di fatto sono tutti nella stessa situazione e ha poco senso dire che se c'è guerra è più urgente. Anche se stai morendo di fame mi sembra tu abbia una certa emergenza da gestire. ‎- fairyvisions
(vedo solo ora) il mio era un "è *anche* una legge del diritto internazionale" e no, non son cattolico, era per dire che alla cosa ci hanno pensato sopra in tanti, il vantaggio non è morale, è pratico e contingente, rispetto a quello che mangia un giorno sì e un giorno mo, quello che rischia di venire bombardato da un momento all'altro ha più urgenza punto. Io me ne batto il cazzo delle leggi E della morale. ‎- Ivan Crema
e, per rispondere a Fairy, penso che io, stato più ricco, vengo ad aiutarti a casa tua quando trovo un vantaggio pratico e tangibile, non perché sono buono, perché non lo sono, nessuno lo è ‎- Ivan Crema