Tema: le vacanze scolastiche estive di 3 mesi sono troppo lunghe e gravano sia sull'apprendimento che sul bilancio famigliare e molto probabilmente sulla produttività del paese. Come immaginate la vostra vita nel caso le vacanze estive fossero più vicine alla durata media europea? Statistiche di riferimento http://genitoricrescono.com/scuola-vacanze-estive-troppo-lunghe/
Risparmierei un po' di soldi. ‎- Minciaroni™
vero? pure secondo me. E sono convinto che anche l'apprendimento gioverebbe di pause più frequenti. Purtroppo credo che sia una di quelle questioni in cui il retaggio culturale è più forte di ogni motivazione sensata ‎- GG Blutarsky
dove sono finiti tutti i prof del socialino? ‎- GG Blutarsky
In Italia da giugno a fine agosto fa un caldo boia, in UK o in Scandinavia no. I rest my case. ‎- Lopo
Lo stesso vale per la Spagna dove fa più caldo e loro fanno due settimane in meno. Due settimane che potrebbero essere recuperate in inverno o in primavera ‎- GG Blutarsky
quello dice l'articolo, su wiki dicono che fanno da metà giugno a metà settembre, come da noi. riscontri? ‎- Lopo
io vado controtendenza e dico che spenderei di più: babysitter per TA visto che da giugno a settembre lavor(iam)o più del solito e sono mesi non coperti dalla scuola; ora invece è piazzato dai nonni ‎- 2/12 coddio
aggiungo: ci fosse la scuola, servirebbe cmq la babysitter per andarlo a prendere a orari cristiani ‎- 2/12 coddio
E poi comunque, anche concedendo due settimane di vacanze in meno in estate, ce ne sarebbero di più a pasqua o a natale. Io tutto 'sto danno al PIL, francamente, non lo vedo. ‎- Lopo
qui ci sono i calendari scolastici spagnoli http://cincodias.com/cincodias/2014/09/01/economia/1409564241... mediamente dal 23 di giugno al 10 settembre ‎- GG Blutarsky
per il PIL pensavo alle aziende che ad agosto si fermano ma era una mia supposizione ‎- GG Blutarsky
quando si cerca di accorciare le vacanze estive tutti i ristoratori e gli albergatori delle località turistiche insorgono. ‎- guido preside perfetto
Io sarei per il modello tedesco e francese con lezioni di due mesi e intervalli di due settimane. In Francia a seconda della regione le vacanze slittano, ma in effetti vedo duro immaginare di andare a scuola in Calabria fino al 30 giugno senza aria condizionata (vorrei invitarvi nelle mie classi prefabbricate al 10 maggio, con finestre esposte al sole e nessun riscontro d'aria possibile). Comunque sarebbe tutto da ripensare 1) perché in Italia facciamo mediamente più giorni di scuola che in molti paesi europei e 2) perché non sono sicura che i genitori che lavorano possano prendere 15 giorni q ottobre, a dicembre a marzo e 9 settimane tra giugno e agosto di ferie. ‎- Yilith forchettina splendente
Questo per dire: non è che scansionare diversamente i giorni li rende meno numerosi. Il numero di giorni in cui i genitori hanno bisogno di nonni/baby sitter o servizi alternativi sono gli stessi, ma non sono tutti compressi nelo stesso periodo. ‎- Yilith forchettina splendente
Lilith +1 ‎- Pea Bukowski
ciao, è qui che tra 5 minuti arriva qualcuna senza figli a dire che gli insegnanti fanno 3 mesi di ferie e in genere non fanno un tubo pure durante l'anno? ‎- Laila
( @layla sono davvero interessato al dibattito ma segretamente un po' ci speravo, shhhh) ‎- GG Blutarsky
(Ecco il FF che amo! Ogni agosto il flame sulle ferie degli insegnanti :D ) ‎- frasens
@2/12 dico che rispaierei ma solo quest'anno che sono ancora all'asilo. Asilo che è a 30 metri da casa mia e che le tiene fino alle 16. Dall'anno prossimo non vogli(am)o pensarci ‎- Minciaroni™
in effetti giugno e luglio sono mesi piuttosto caldi ma....se io sopravvivo in ufficio loro possono sopravvivere a scuola no? tre mesi in cui devi "piazzarli" da qualche parte sono tanti in effetti. Io quest'anno ce li ho tutti e due all'asilo nido (che non chiude mai) e mi sono potuta gestire super bene varie ferie durante l'anno. Fare degli stop durante l'anno sicuramente gioverebbe all'apprendimento e magari ci farebbe uscire dalla routine che le ferie si fanno solo ad agosto.... ‎- Soglia(dibronzo)
Sto per ribadire l'ovvio ma vabbè. Giugno e luglio sono abbastanza caldi e in ufficio si sopravvive perché in genere 1) c'è l'aria condizionata 2) gli uffici non sono in stanze di grandezza limitata in cui stanno ammassate 28 persone (spesso adolescenti molto calorosi e altrettanto puzzolenti) e 3) in un ufficio puoi alzarti, cambiare posizione, cambiare ufficio senza chiedere il permesso. E magari andare a prendere una boccata d'aria. E 4) una percentuale spaventosa delle scuole in Italia sono prefabbricati che si scaldano (e si raffreddano) in un modo che non potete comprendere. Quindi in inverno abbiamo 16 gradi e gli spifferi e in estate durante gli esami di luglio 37 (misurati proprio quest'anno). ‎- Yilith forchettina splendente
1 bis) negli uffici in assenza di aria condizionata si potrebbe tentare la carta ventilatore, o tapparella abbassata, nelle scuole, no. ‎- Yilith forchettina splendente
uhm...forse ho una visione distorta perchè sono sempre andata in scuole strutturalmente messe bene ‎- Soglia(dibronzo)
Forsanche io ho una visione distorta della faccenda perché insegno da sempre in scuole statali e fatiscenti (non fatevi ingannare; da quando andavamo a scuola noi a oggi le scuole non sono state ammodernate affatto. Quindi le scuole che negli anni Settanta erano nuove oggi sono scuole degli anni Settanta con infissi, illuminazione, e accessori d'epoca) ‎- Yilith forchettina splendente
però magari potrebbero usare i mesi più caldi per attività più interattive, gite, musei...per i più grandi tirocinii, visite in aziende. Cose per cui durante l'anno c'è poco tempo perchè il programma e ampio e il tempo poco ‎- Soglia(dibronzo)
@lilith per colpa tua ho realizzato che le elementari le ho fatte 25 anni fa!!!!! NON SONO VECCHIA NON SONO VECCHIA NON SONO VECCHIA ‎- Soglia(dibronzo)
Premetto che io sarei d'accordo con la scansione diversa, in Italia facciamo tra i 200 e i 210 giorni di lezione l'anno. Come (e più) che in Europa. Un conto è dire "scansioniamoli diversamente" su cui, sistemando un po' di cose è spostando la Sicilia a Nord si può fare. Un conto è dire "mandiamoli a scuola anche in estate a fare le cose che non hanno il tempo per fare durante l'anno". Che è una roba didatticamente discutibile, soprattutto con i ragazzi più piccoli che hanno tempi diversi da quelli degli adulti. Sono prima bambini e poi ragazzi; lasciamoli riposare un poco, su. Guardate che la scuola stanca, eh. Ma tanto. ‎- Yilith forchettina splendente
infatti da un punto di vista didattico il messaggio era: anziché fare una lunga pausa in estate, meglio distribuirle durante l'anno. Poi capisco che il problema non è tanto climatico ma di strutture e, volendo e se il gioco valesse la candela, su queste si potrebbe intervenire. Da un punto di vista famigliare mi pare sensato quello che dice 2/12 ‎- GG Blutarsky
Sai perché il gioco non vale la candela, @gg? Perché le province, che sono quelle che hanno in carico le scuole, sono così tanto senza soldi, ma così tanto senza soldi, che quando lo scorso anno qui è venuto un nubifragio e ha sollevato un pezzo del tetto della scuola, la soluzione è stata trasferire tre aule nel seminterrato e mettere dei nastri di divieto d'accesso, non riparare. Perché "costa troppo". E perché, per citare un dato che conosco, il ministero quest'anno ha finanziato le attività di integrazione dell'handicap con 36 (TRENTASEI) euro per 40 studenti. I soldi non ci sono,e non ci sono da un pezzo. ‎- Yilith forchettina splendente