Oggi mi sento un po' come Barzagli: per anni hai costruito qualcosa giocando un po' in difesa e all'improvviso senza quasi rendertene conto ti trovi a piangere davanti alle telecamere.