Sono un uomo fortunato. Mediamente gli appassionati di vela hanno mogli che col ventone piantano le unghie sulle panche del pozzetto e soffrono il mal di mare. La mia gode come un riccio perché la barca corre e magna schifezze tutto il tempo.