Ieri sera si parlava. I miei genitori ci hanno lasciati soli a gestire il nonno in ospedale , per un weekend. C'era un incontro importante per la carriera di mio padre. Avevamo 22 e 19 anni. I figli dei miei cugini (23 e 25 anni) non vengono lasciati nemmeno per un giorno...
(Era fine marzo. Mio nonno è morto dopo una settimana). E niente, spero di ricordarmelo sl momento giusto: voglio un figlio in grado di affrontare dolore e difficoltà, non un bamboccio... ‎- monicabionda
È anche una questione di carattere, mia mamma tutt'ora non mi lascerebbe sola mai, ma io ho fatto le mie esperienze, anche ribellandomi, e sono cresciuta abbastanza velocemente ‎- un pesce di nome Tricia
I miei mi lasciano da sola a casa (allora per qualche giorno, senza fratello) da quando ho 14 o 15 anni, e avendo passato parecchio tempo in campagna con nonna munita di motorino (io, non la nonna) libertà ne ho sempre avuta abbastanza. Però tuttora (vabbè finché ero là) se escono a cena mia madre mi prepara tutto l'occorrente per la cena, persino la pentola con l'acqua e il sale già dentro per la pasta, e sono piuttosto certa che se potesse mi imboccherebbe ancora. Della serie schizofrenia portami via :D ‎- Pea Bukowski
lasciare a casa soli ragazzi di vent'anni mi sembra francamente doveroso. non so, invece, se lascerei loro la gestione di un parente anziano ospedalizzato, forse perché sento che anche a 40 anni questa cosa comporta un dolore e una fatica tali da farmi pensare che vorrei, sì, che Bianca fosse preparata, ma non da sola (poi, voi eravate due, probabilmente è differente) ‎- emme
(sullka questione ospedalizzazione: mia zia, al'epoca ultra cinquantenne, non era in grado di gestire il nonno. Mio zio, da solo, nemmeno. Mio fratello ed io, in effetti, forse eravamo più preparati della media ...) ‎- monicabionda
credo che bisogna fare di necessità virtù. io ricordo che le chiavi di casa le ho avuto in prima media anche perché quando io e mio fratello tornavamo a casa spesso non c'era nessuno. con mamma che lasciava mille bigliettini in giro per casa con scritto. accendi la pentola, metti il sugo il fuoco, svuota la lavatrice, e altre indicazioni così. effettivamente in questo modo ho imparato un sacco di cose. ‎- ostelinus
Io come pea: madreh ha iniziato a lasciarmi da sola a casa da quando avevo 11 anni ma ogni tanto, anche adesso, quando esce mi lascia il pranzo o la cena pronti sebbene possa tranquillamente cavarmela da sola. Forse perché sa che sono un po' pigra (cioè, mi sembra l'unica ragione plausibile che potrebbe spiegare il suo comportamento). ‎- Yoshiniski
(una ola per la mamma di ostelinus) ‎- emme
@emme: messa così sembra quasi una cosa figa. i miei mi hanno letteralmente cresciuto con la forte convinzione che tutti sono stronzi e che manco in famiglia ci stanno le persone affidabili, e intendo pure sotto lo stesso tetto (e col senno di poi non avevano nemmeno tutto sto gran torto). e non so quali colpe dovevamo scontare io e mio fratello per colpa di st'atteggiamento vittimistico del cazzo. quindi dietro "fai così fai cosà" non c'era l'intento pedagogico istruttivo. quanto piuttosto una roba tipo "fallo tu che non siamo i tuoi servi". ok, ho imparato a cucinare, a fare le pulizie, lavatrice etc... ma a che prezzo, zio caro. ‎- ostelinus
RITIRO LA OLA ‎- emme
@emme: scusa, non volevo smontarti con tutta questa tristezza. la prossima volta però ricordati di portare i colori anche per me, peppiacere :) ‎- ostelinus
sarà fatto, piccolo ostelinus <3 ‎- emme