Parla lo scacchista baro: “Nessuna webcam. Vincevo grazie a Yoga e training autogeno” http://www.lastampa.it/2015/09/07/italia/cronache/parla-lo-sc...
Ma appunto le sue prestazioni hanno indotto i sospetti. Come spiega questo exploit, che tutti gli scacchisti reputano praticamente impossibile? «Io ho sempre saputo delle mie potenzialità. Gioco a scacchi da più di 30 anni, sono praticamente nato con gli scacchi, mio padre mi ha insegnato le prime mosse, io ho coltivato la passione, ho studiato le mosse di Bobby Fisher e ho divorato un sacco di libri. Solo che finora ero condizionato dalle emozioni che non mi permettevano di esprimermi al meglio. Nell’ultimo mese e mezzo ho vissuto un periodo positivo, un picco della mia vita, sono riuscito a liberare la mia mente da tensioni ed emozioni, grazie anche allo Yoga e al training autogeno. E sono riuscito ad andare oltre la verità scacchistica. Riesco ad aprire la mente ed entrare nei meandri più segreti degli scacchi». Ma perché non si fermava alla fine delle partite per analizzarle, come si fa usualmente? «Qualcuno degli avversari era straniero, non avrei saputo comunicare. Altri non hanno voluto. Magari mi facevano i complimenti, ma non chiedevano. E poi non posso condividere con tutti le cose che sono arrivato a capire». ‎- mi volsi e considerai
manco la faccia come il culo. Che stratega, si vede che è un campione di scacchi ‎- Daffery
Se c'è una parola che più di tutte identifica un italiano tra cento persone di altri popoli, è sicuramente "ricorso" ‎- L'Andre
(t'ho arrubbato il link su Facebook) ‎- L'Andre
da mettere in stanzetta @lavariante ‎- Pluto in USA
È stata ricostruita? :O ‎- mi volsi e considerai

2015-2016 Mokum.place